Si risveglia nella bara durante il suo funerale

Brighton dama zanthe morte apparente zimbabwe bastaunclickGWERU (ZIMBABWE) – Tornare dall’aldilà senza ricordare nulla dell’accaduto. Quante volte ci è capitato di sentire storie di questo genere, questa volta però, il protagonista “torna in vita” durante il suo stesso funerale, appena in tempo per evitare di essere chiuso per sempre all’interno della bara nella quale era adagiato il suo corpo.
Brighton Dama Zanthe era stato dichiarato morto a 34 anni dopo una lunga malattia, ma proprio nel momento dell’ultimo saluto, è successo l’imponderabile, ecco quanto ha detto il suo datore di lavoro (presente in quel momento) al giornale The Herald: “Ho notato le gambe in movimento del signor Zanthe. All’inizio non riuscivo a credere ai miei occhi, ma poi ho capito che c’erano effettivamente alcuni movimenti del corpo”. Nel frattempo attorno al “miracolato” non appena tutta la gente presente alla veglia funebre ha notato i movimenti, ci sono state scene di panico, pianti e grida hanno preso il sopravvento mentre l’uomo si è messo a sedere all’interno della bara. Ma subito dopo lo choc iniziale, i familiari hanno chiamato i soccorsi che hanno prontamente portato Zanthe in un ospedale locale per accertamenti sul suo stato di salute, e dopo due giorni l’uomo è stato dimesso ed è tornato a casa… vivo!
Ecco le sue prime dichiarazioni rilasciate dopo l’accaduto: “Non ho nessun ricordo di quando sono morto o di quando sono resuscitato. Ormai è acqua passata per me. Posso solo confermare che in molti si sono riuniti a casa mia a piangere la mia morte, ma mi è stata data un’altra possibilità e sono vivo. Mi sento bene adesso”.
Ma non pensate che sia finita qui! Sempre in Zimbabwe nella città di Bulawayo, pochi mesi fa c’è stato un altro caso di morte apparente. Stavolta però è capitato ad una prostituta che si pensava fosse rimasta vittima di un infarto durante un rapporto sessuale con un cliente, anche lei si è risvegliata poche ore dopo dentro una bara metallica (in cui era stata messa polizia che la stava trasportando all’obitorio), la donna si è risvegliata all’improvviso  urlando dal terrore: “Volete uccidermi, volete uccidermi!” evidentemente sconvolta dal fatto di trovarsi in quel posto senza capire come ci era finita, in rete c’è anche un video che parla di questo caso.

Due storie fortunatamente a lieto fine, ma se penso che sarebbe bastata solo qualche ora di ritardo per farli risvegliare entrambi in trappola mi viene la pelle d’oca… tutto è bene quel che finisce bene!

Roberto

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...