“The Wolf of Wall Street”, di Martin Scorsese

Locandina The wolf of wall streetSoldi, sesso e droga. Queste sono le tre parole chiave di The Wolf of Wall Street. Ma anche comicità e drammaticità.
Quelle dirette da Martin Scorsese sono tre ore intensissime, che scorrono però con facilità. Noi spettatori non ci possiamo assolutamente annoiare, non abbiamo il tempo per farlo. In un momento siamo all’erta, ansiosi di scoprire come si concluderà una scena, e l’attimo dopo ridiamo davanti a scene decisamente comiche. Perché, come vi dicevo prima, The Wolf of Wall Street è anche un film comico. Una drammaticità comica, potremmo definirla. Racconta la vera storia di Jordan Belfort (interpretato da un eccezionale Leonardo DiCaprio) e non ha di certo una trama profonda, di quelle con un finale strappalacrime. Descrive semplicemente la vita di Jordan, uno dei più disonesti broker finanziari, e il suo lavoro, che consiste nel truffare persone comuni, arrivando così a guadagnare quasi 60 milioni di dollari. La sua smania di successo, la voglia di divertirsi, l’incontentabile voglia di fare sesso e l’impazienza di diventare sempre più ricco lo fanno capitolare in un tunnel buio e apparentemente senza via di uscita. Soldi, sesso e droga. Sempre e sempre di più. Soldi, sesso e droga.

Nel cast, oltre a DiCaprio, ormai alla quinta collaborazione con Martin Scorsese, anche Jonah Hill, la bellissima Margot Robbie e Matthew McConaughey. I tre attori hanno tutti un ruolo importante nella pellicola e interpretano rispettivamente il braccio destro, la seconda moglie e il mentore di Belfort. Donnie Azoff (Hill) si licenzia per lavorare alle dipendenze del protagonista, attirato unicamente dalla busta paga di quest’ultimo. Insieme condividono sbronze e droghe, oltre allo spassionato interesse per i soldi e le donne. Naomi (Robbie) è la giovane e affascinante moglie, con cui si sposerà dopo aver divorziato da Teresa. La ragazza lo renderà padre di due bambini, ma la loro relazione non sarà certo una passeggiata. Mark (McConaughey) è infine colui che lo ha educato al brokeraggio, insegnandoli le tecniche migliori per fare soldi e conducendolo a uno stile di vita estremo, basato su sesso e droga.

Il film è stato candidato a ben cinque premi Oscar (al miglior film; al miglior regista, Martin Scorsese; al miglior attore protagonista, Leonardo DiCaprio; al miglior attore non protagonista, Jonah Hill; alla miglior sceneggiatura non originale, Terence Winter), ma ovviamente non sono mancate le critiche negative. Da quando è uscito nelle sale americane, il 25 dicembre scorso, vari critici si sono scagliati contro il film, ritenendolo colpevole di rendere troppo attraente il mondo corrotto di cui racconta. A differenza loro, io ho invece colto la volontà del regista di sottolineare gli errori compiuti da Jordan, rendendolo in più occasioni ridicolo agli occhi degli spettatori.
Mi trovo invece d’accordo con i critici riguardo l’interpretazione di DiCaprio. Davvero intensa e di altissimo livello, addirittura migliore di quello da lui raggiunto negli ultimi anni. Che dite, sarà la volta buona per fargli vincere una bella statuetta? Da fan sfegatata dico: SAREBBE ANCHE ORA!

Selena

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...