Yom HaShoah – La Vita E’ Bella e altri titoli per non dimenticare l’Olocausto

Yom HaShoah - La vita è bella

Oggi, 28 aprile 2014, è la Giornata del ricordo dell’Olocausto in Israele. La Yom HaShoah, in ebraico. Ricorre ogni anno il 27esimo giorno del mese di Nisan, in ricordo di tutti gli ebrei che furono tragicamente uccisi durante l’Olocausto.
Dopo 69 anni dalla fine della seconda guerra mondiale (1939 – 1945), in Israele è ancora straziante il dolore per quanto accaduto. Ogni anno infatti, in occasione della Giornata del ricordo dell’Olocausto, per due minuti tutto si ferma. Alla mattina, al suono di una sirena, tutto e tutti interrompono la loro attività e ricordano il terribile passato dei loro compaesani. Nell’arco della giornata i nomi di tutte le vittime vengono elencati nelle scuole, nei musei e nei luoghi pubblici, per non dimenticare.

Nessuno deve dimenticare quanto accaduto. Dobbiamo mantenere vivo il ricordo, nella speranza che un errore simile non venga mai più commesso. Un buon modo per farlo, a mio parere, è documentarsi leggendo libri e guardando film al riguardo. Ne esistono davvero tantissimi, ma oggi vorrei parlarvi in particolare di uno: La vita è bella, di Roberto Benigni.

La vita è bella
Immagino che la maggior parte di voi lo abbia già visto numerose volte, ma probabilmente quasi nessuno di voi ha letto la sua sceneggiatura. Io mi ci sono imbattuta per caso, cercando qualche libro interessante su Amazon, e non ho resistito. L’ho comprato e letto in pochissimo tempo.
Già amavo la pellicola e amavo la forza con cui Guido (interpretato da Roberto Benigni) fosse riuscito a far apparire la tragedia come un gioco, agli occhi del figlio Giosuè. Insomma, una genialata.
Leggendo il libro ho apprezzato ancora di più tutto questo, forse perché  ho avuto la possibilità di assaporare fino in fondo ogni singola battuta, di rileggere alcuni passaggi fondamentali e toccanti e di entrare nell’immensa profondità di questa ferita.
Guardate questo video e capirete.

Come avrete visto, in questa sequenza del film sono stati aggiunti i sottotitoli, che permettono di capire le parole dell’ufficiale tedesco. Anche nel libro le battute in questione sono in lingua italiana, dando la possibilità di acquisire una maggiore consapevolezza riguardo all’atroce organizzazione dei campi di concentramento e lasciando ben poca immaginazione riguardo il destino delle persone rinchiuse al suo interno.

Vi consiglio fortemente di leggerlo, perché troverete 189 pagine di puro amore e forza, ma anche atrocità e ingiustizie, che vi porteranno ad amare ancora di più Guido Orefice e la sua famiglia.

Se invece lo avete già fatto, vi lascio il titolo di alcuni film e libri fondamentali per conoscere meglio il tema.
(Potrete trovare tutti i prodotti elencati su Amazon).

Libri:

  • Il diario, di Anne Frank (1947)
  • Se questo è un uomo, di Primo Levi (1956)
  • La tregua, di Primo Levi (1969)
  • Shoah, di Claude Lanzmann (1987)
  • La lista di Schindler, di Thomas Keneally (1982)
  • CLICCATE QUI per tanti altri titoli

 

Film:

  • Kapò, di Gillo Pontecorvo (1959)
  • Schindler’s list, di Steven Spielberg (1993)
  • Train de vie – Un treno per vivere, di Radu Mihaileanu (1998)
  • Il pianista, di Roman Polanski (2002)
  • Il bambino con il pigiama a righe, di Mark Herman (2008)
  • La chiave di Sara, di Gilles Paquet-Brenner (2010)
  • CLICCATE QUI per tanti altri titoli

Selena

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...