Studiare la moda: moda e letteratura

Copertina La moda nella letteratura italiana, Daniela BaronciniOggi voglio inaugurare una nuova rubrica, se così si può chiamare, in cui parlare di moda da un punto di vista più teorico.
Sicuramente tra voi ci saranno ragazzi appassionati di moda o addirittura qualcuno che ha intenzione di intraprendere un percorso di studi o un’attività lavorativa proprio in quel campo.
Premetto fin da subito che io non sono una teorica di moda e, considerando che ho appena concluso solo il primo anno di università, so davvero poco al riguardo.
Questa rubrica infatti nasce con estrema umiltà e con il solo scopo di consigliare ai più appassionati letture di moda, grazie alle quali avvicinarsi a questo bellissimo fenomeno anche dal punto di vista storico o letterario. Mi spiego meglio. La moda non è fatta solo di sfilate e grandi eventi. Prima che nascessero questi la moda esisteva già e, anche se appariva in forma diversa da oggi, è incredibile quanto gli stilisti attuali siano ancora legati alle più antiche tradizioni modaiole.


Partiamo oggi dal libro di testo di Letteratura italiana della moda: La moda nella letteratura contemporaneadi Daniela Baroncini (cliccate sul titolo per consultare il prodotto su Amazon.it).
Il testo non è molto lungo (137 pagine) e descrive il rapporto tra moda e letteratura (italiana e non solo) tra la fine dell’Ottocento e il Novecento.
Alcuni degli argomenti qui descritti sono gli stessi studiati marginalmente alle superiori. Chi di voi ha già sentito parlare di dandismo e femme fatale? Credo praticamente tutti, ma leggendo questo testo avrete sicuramente una conoscenza ben più solida. Verrete a conoscenza di numerosi scrittori che, cosa nota a pochi, prima di pubblicare opere di grande successo studiate oggi al liceo, si sono occupati di opere più mondane e frivole. Verga ne è l’esempio perfetto. Alle superiori lo avevamo sempre definito come l’autore de I Malavoglia o dell’incompiuto Ciclo dei Vinti, ma anche lui ha avuto un passato di mondanità inaspettato, vissuto tra Firenze e Milano, che lo ha ispirato nella scrittura di romanzi “salottieri”, come Tigre Reale, Eva, Eros, Una peccatrice
Apprenderete poi i pensieri di numerosi letterati specificatamente nell’ambito della moda e della seduzione, cosa che nessuna scuola superiore, nemmeno la migliore, ve lo potrà garantire.

A noi, in preparazione all’esame, sono stati aggiunti cinque libri da leggere: Tigre reale, di VergaIl piacere, di D’AnnunzioCirce, di Annie VivantiGli indifferentidi MoraviaLa bella di Lodi, di Arbasino.
L’ideale sarebbe quindi integrare queste letture, o altre simili (come La donna leopardo La noia, entrambi di Moravia; Venere in pelliccia, di L. von Sacher Masoch), al libro di testo della Baroncini, in modo da garantire una conoscenza piuttosto approfondita.

Se amate la moda e la letteratura acquistatelo subito, poi magari scrivete un commento qui sotto con le vostre opinioni!

Buona lettura😉

Selena

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...