LeggiAMO: “La ragazza che toccava il cielo”, di Luca Di Fulvio

La ragazza che toccava il cielo

Dopo aver letto e apprezzato moltissimo “La gang dei sogni”, mi sono subito buttato su quest’altro romanzo dello stesso autore intitolato “La ragazza che toccava il cielo” e, se il primo mi era piaciuto molto, questo mi ha letteralmente catturato per la sua straodinaria bellezza.
Siamo a Roma, nel lontanissimo 1515. Mercurio è un giovane orfano che per vivere si arrangia come può, compiendo piccoli furti e mettendo in scena abili truffe.
Nelle sue “imprese” viene aiutato da un trio di ragazzi poveri e soli come lui: Zolfo, Benedetta ed Ercole i quali, però, per via della loro inesperienza e non avendo altri disposti ad aiutarli, sono quasi un peso per lui. Un giorno, sfortunatamente, i quattro giovani derubano la persona sbagliata.

Si tratta di Shimon Baruch, un signore ebreo di mezza età che, dopo essere stato rapinato, durante una collutazione uccide Ercole e rimane gravemente ferito da Mercurio.
Mosso da un accecante sentimento di vendetta, Shimon avrà un unico obiettivo nella vita. Quello di trovare Mercurio ed ucciderlo. Nel frattempo, i tre ragazzi superstiti scappano da Roma ed intraprendono un lungo viaggio.

Ad un certo punto avviene un incontro determinante. Mercurio, Benedetta e Zolfo si ritrovano a condividere il loro viaggio con una truppa di soldati (sulla via del ritorno da una vittoriosa battaglia), ed una coppia formata da Isacco e Giuditta, padre e figlia anch’essi in fuga da un difficile passato. Da qui il destino li porterà tutti insieme fino a Venezia.
Proprio in questa meravigliosa città, tra le calli, i canali e i campi della Repubblica Serenissima, in un susseguirsi di sentimenti opposti tra loro che muovono ogni singolo protagonista, ha luogo la maggior parte degli episodi. Litigi, gelosie, tradimenti, crimini, sortilegi, rabbia e perdono. Tutto questo ruota attorno ad una storia d’amore che sembra più forte di tutto e di tutti, ma che viene messa continuamente a repentaglio da persone che forse tanto amiche, come vorrebbero far credere, in realtà non sono. Le vite di tutti sono appese ad un filo che balla sul sottilissimo confine che c’è tra amore e odio, bene e male, giustizia ed ingiustizia.

Cari lettori, questo romanzo è semplicemente STU-PEN-DO. Raramente mi è capitato leggendo un libro di immergermi nella storia come se fossi io stesso in mezzo ai protagonisti, accompagnandoli nelle loro avventure dai famosissimi angoli di Roma fino ai suggestivi e magici scorci di Venezia.
Il racconto è fantastico, non conosce attimi di pausa e la narrazione ti fa stare per ore attaccato alle pagine con la sola voglia di scoprire cosa succede in quella successiva. C’è tutto: azione, avventura, riferimenti storici, luoghi incantevoli, amore e amicizia. Tra tutti i protagonisti è impossibile non affezionarsi a Mercurio, personaggio che personalmente adoro, o ad Anna Del Mercato con la sua straordinaria umanità. Perfino il burbero Capitano Lanzafame e lo spietato delinquente Scarabello mi hanno fatto in un certo senso tenerezza. Ma questo, ovviamente, solo per citarne alcuni.
Seguire questi personaggi che crescono, si evolvono e maturano caratterialmente, il fascino senza età dei luoghi che fanno da sfondo alla trama e gli imprevisti, sempre dietro l’angolo grazie all’abilità di Di Fulvio, ti fa venir voglia di continuare la lettura all’infinito.
Mi è talmente dispiaciuto terminare il libro che spero vivamente l’autore ne scriva anche un seguito. Secondo me questo romanzo avrebbe tutte le carte in regola per diventare una trilogia. Sperando che un giorno ciò accada, vi consiglio veramente di gustarvi questo splendido libro senza farvi intimorire dalla lunghezza (800 pagine) perchè, davvero, quando le storie sono così ben raccontate un romanzo non è mai troppo lungo.

Roberto

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...