C’mon with us in London!!

IMG_0249

Siamo già qui amici!! E’ stato un breve, brevissimo, viaggio ma ci voleva davvero! Londra ha un fascino particolare e sicuramente due soli giorni non bastano per gustarsela al massimo ma, dal nostro punto di vista, sono più che sufficienti per divertirsi. Basta avere la compagnia giusta e il gioco è fatto. In questo post voglio descrivervi il mio primo impatto con la City (Selena, qualche mese fa, aveva già scritto le sue prime impressioni in questo articolo).

IMG_0111

Per cominciare direi che, a differenza di Barcellona che a livello di edifici è molto più omogenea, Londra mi è sembrata una città più “varia”. Continua a leggere

Annunci

London, here we are!

IMG_5067-001

Quest’anno mi sono proprio sbizzarrita con i viaggi. Nel giro di 12 mesi ho preso l’aereo quattro volte (otto, se consideriamo sia l’andata che il ritorno): Barcellona a novembre 2013 (cliccate qui per leggere la mia esperienza), Dortmund a trovare un’amica in primavera, San Teodoro in agosto (ecco qui il resoconto, pubblicato solo pochi giorni fa sul blog) e, infine, Londra a settembre (cliccate qui per scoprire cosa ho messo in valigia). Ora non ho scuse, sono (o per lo meno dovrei essere) sufficientemente riposata e pronta per affrontare un altro anno di lezioni e studio intenso ma, prima di riprendere la solita routine invernale, vorrei pensare ancora un po’ alle mie vacanze.

Vorrei iniziare a parlarvi della mia esperienza dandovi subito un consiglio: andate a Londra. Se prenotate in anticipo, i biglietti dell’aereo costano davvero poco e riuscirete a trovare anche alloggi economici. Sicuramente dovrete impegnarvi e spulciare tantissimi siti internet, ma le bazze ci sono!

Appurato che non potete non concedervi un giro a Londra, ecco un elenco fotografico dei luoghi che ho visitato, con rispettivi pareri personali.

Continua a leggere

“Qua in Sardegna regna il buonumore”

IMG_8706

Ciao amici!

Finalmente ho trovato un po’ di tempo per parlarvi della mia vacanza in Sardegna.
Vi annuncio già che questo sarà un post abbastanza breve (meno parole, più foto), perché solo così anche voi potrete godere un po’ dei fantastici paesaggi di cui ho goduto io per dieci giorni, lo scorso agosto.

20140804_162922Viaggio di andata. Destinazione: Budoni 🙂

Continua a leggere

Barcellona, siamo tornati!

IMG_20140828_172717

A distanza di mesi, dopo il viaggio di Selena a novembre dello scorso anno, anche l’altra metà del blog ha finalmente colto l’occasione giusta per visitare la bellissima perla della Catalogna. Questa volta, però, il viaggio ha avuto luogo verso la fine di agosto.
Mentre in Italia continuava ad imperversare il maltempo e l’estate confermava di non volersi far vedere manco di striscio, a Barcellona, siamo stati accolti da una piacevolissima temperatura oltre i 30° che ci ha accompagnato per tutti i 4 giorni del nostro viaggio.
In questo periodo dell’anno, la città non è strapiena come invece logicamente ci si potrebbe aspettare, ma quasi tranquilla e popolata per la maggior parte da turisti (direi la metà dei quali italiani!). Continua a leggere

Visitare Firenze in un giorno solo? Si può!

Vista da Piazzale Michelangelo

Vista da Piazzale Michelangelo

Anche se io e mio padre eravamo fermamente convinti di essere rimasti gli unici due italiani a non aver mai visitato questa splendida città, a quanto pare, ci sbagliavamo.
In molti infatti rimandano questa gita per mancanza di tempo o  di denaro ma, in realtà, con un po’ di logica e spirito di adattamento si può tranquillamente riuscire a realizzare.

Per esempio: lo sapevate che in un solo giorno, senza entrare nei musei e passeggiando in tutta calma, si possono vedere un’infinità di belle cose a Firenze?
Beh, noi ci siamo riusciti! E se ce l’abbiamo fatta noi…

Se abitate in altre regioni e ne avete la possibilità, il mezzo più veloce ed economico è il treno. Nel nostro caso tra andata e ritorno da Bologna ce la siamo cavata con 24€. L’altra comodità che offre il treno, è che ti lascia esattamente davanti alla Basilica di Santa Maria Novella, ovvero il punto di partenza del nostro breve (ma intenso) itinerario.  Continua a leggere

Una giornata a Rimini alla scoperta dei “luoghi felliniani”

Credo che un film debba avere dei difetti.
Devono esserci degli errori, come nella vita, come nella gente.
Non credo nella bellezza come cosa perfetta,
se non forse quella degli angeli.
Una bella donna è attraente solo se non è perfetta.

Federico Fellini

Era il 1939 quando il diciannovenne Federico decise di lasciare Rimini e raggiungere Roma, insieme alla madre, al fratello Riccardo e alla sorellina Maddalena. Il suo sogno era quello di intraprendere la carriera giornalistica, ma il suo destino fu un altro. Sarà proprio nella capitale che, dopo anni di sacrifici e lavoro, iniziò la lunga e internazionale carriera cinematografica del Maestro Fellini. Da alcuni inizialmente non particolarmente apprezzato, da altri invece amatissimo a tal punto che i suoi film, dopo vent’anni dalla sua scomparsa (era il 31 ottobre 1993), sono ancora tra i più noti, i più venerati e le migliori fonti d’ispirazione per il mondo del cinema.
Tutti conoscono la sua fama mondiale e ricordano il titolo di almeno uno dei suoi film, ma poche persone si sono concentrate sulla sua infanzia e la sua adolescenza vissute a Rimini, sua città natale, dove nacquero alcuni dei suoi più grandi capolavori come, per esempio, Amarcord o I Vitelloni.
In questo post vi mostrerò, attraverso le foto scattate a Rimini, alcuni dei luoghi un tempo legati alla figura di Federico Fellini.

1. LA CASA NATALE.
Federico Fellini nacque il 20 gennaio 1920, alle 21.30, pochi mesi dopo che la sua famiglia si trasferì a Rimini da Gambettola, un comune in provincia di Forlì-Cesena. Quella sera era freddo, pioveva violentemente e tuoni e fulmini, vento e mare in burrasca accompagnarono la mamma Ida Barbiani durante il parto.

Come raggiungerla? L’abitazione in cui nacque Fellini si trova attualmente in Via Dardanelli 10.
Uscite dalla Stazione Ferroviaria e voltate a destra su Piazzale Cesare Battisti. Proseguite dritto finché, sulla vostra destra, non trovate un sottopassaggio pedonale. Una volta “sbucati” sull’altro lato della stazione, continuate a sinistra. Via Dardanelli sarà pochi metri più avanti, sulla vostra destra.

Casa natale oggiLa casa natale di Federico Fellini
Via Dardanelli 10, Rimini

2. LA CASA AMARCORD.
Amarcord è un film di Federico Fellini del 1973, completamente ambientato a Rimini, anche se della vera Rimini non c’è nemmeno l’ombra. Nessuna ripresa è infatti avvenuta nella città natale del regista, che è stata invece interamente ricostruita a Cinecittà.
La casa di Titta (Casa Amarcord), personaggio di Amarcord interpretato da Bruno Zanin, è un esempio. Essa infatti è stata ricostruita prendendo spunto da un’abitazione realmente presente nella città romagnola, in Via Roma 41.

Come raggiungerla? Tornate davanti alla Stazione e lasciatevela alle spalle. Proseguite dritto fino al primo semaforo, dove voltate a destra su Via Roma. Troverete la casa alla vostra sinistra.

Casa di Titta oggi

Casa di Titta oggi 4Casa Amarcord, casa di Titta in “Amarcord”, di Federico Fellini.
Via Roma 41, Rimini

3. L’ULTIMA CASA RIMINESE.
La famiglia Fellini si trasferì per l’ultima volta, prima della partenza del primogenito, in Via Dante 9 (secondo la numerazione attuale), dove ora troverete però una banca. Qui prenderanno vita gli eventi raccontati trentaquattro anni dopo in Amarcord.
Fellini ricorda così gli otto anni (dal 1931 al 1939) trascorsi in Via Dante:  Nel palazzo di fronte abitava una famiglia meridionale, i Soriani, con tre ragazze. Elsa, Bianchina e Nella. Bianchina era una moretta. La prima volta mi apparve dietro il vetro della finestra, oppure – non ricordo – vestita da piccola italiana, coi bei seni pesanti già da madre.

 Come raggiungerla? Da Casa Amarcord tornate indietro e raggiungete il semaforo all’incrocio tra Via Roma e Via Dante Alighieri (lo stesso che avete trovato prima, quando stavate raggiungendo l’abitazione di Titta). Voltate a destra e proseguite dritto, verso il centro di Rimini. Superate due fermate dell’autobus e troverete la Casa-Banca alla vostra sinistra, all’altezza di Via Patara (sulla destra).

Via Dante 9 oggiL’ultima casa riminese di Federico Fellini.
Via Dante Alighieri 9, Rimini

4. PALAZZO RIPA.
A Palazzo Ripa si trova l’appartamento in cui la famiglia Fellini si trasferì poco dopo la nascita di Federico, nonché prima loro residenza riminese, dal momento che prima risultavano ancora residenti a Gambettola.
Si trova in Corso d’Augusto 115 (ai tempi 63).
La prima casa che io ricordo veramente è il palazzo Ripa. C’è ancora: è un palazzo sul Corso. Il nostro padrone di casa era sempre vestito di blu: l’abito blu, la bombetta blu e una gran barba bianca, come una divinità da blandire, da non irritare. Mia madre si asciugava le mani, mentre diceva: “Bambini, state fermi, c’è il signor Ripa”

Come raggiungerlo? Dopo aver visitato la casa di Via Dante, continuate dritto verso il centro storico. Raggiungete Piazza Tre Martiri e voltate a destra, su Corso d’Augusto. Poco più avanti, sulla vostra destra, troverete Palazzo Ripa.

Palazzo Ripa oggi 2 censuraPalazzo Ripa, la seconda residenza riminese della famiglia Fellini.
Corso d’Augusto 115, Rimini

5. PIAZZA CAVOUR.
La potete ammirare in Amarcord quando il pavone, con la sua elegante e affascinante coda, si appoggia alla fontana della piazza, attirando l’attenzione e la curiosità di tutti i presenti.

Come raggiungerla? Superate Palazzo Ripa, continuando a camminare su Corso d’Augusto. Più avanti, sulla sinistra, si aprirà l’ampia Piazza Cavour.

Piazza Cavour censuraLa fontana della Pigna, presente anche in “Amarcord”.
Piazza Cavour, Rimini

6. CINEMA FULGOR.
Il cinema Fulgor è il luogo dove Federico, seduto sulle gambe del padre, ha visto il suo primo film, Maciste all’inferno.
Purtroppo per il momento il locale non è visitabile e anche l’esterno è coperto da un telo che nasconde l’impalcatura. Da un po’ infatti sono in corso i lavori che prevedono il restauro del cinema, futura sede della Fondazione Federico Fellini, attualmente ubicata in Via Nigra 26.

Come raggiungerlo? Il Cinema Fulgor si trova in Corso d’Augusto 162. Per raggiungerlo lasciatevi Piazza Cavour alle spalle e tornate su Corso d’Augusto. Voltate a sinistra, qualche metro più avanti sarete di fronte al Cinema.

Cinema Fulgor oggiIl Cinema Fulgor, dove Federico Fellini vide il suo primo film.
Corso d’Augusto 162, Rimini

7. BORGO SAN GIULIANO.
E’ un piccolo borgo, un quartiere riminese aldilà del Ponte Tiberio. Girando per le strette e tipiche stradine potrete ammirare murales raffiguranti Federico Fellini o scene tratte dai suoi film.

Come raggiungerlo? Oltrepassate il cinema e continuate fino a raggiungere Ponte Tiberio (che, giusto per curiosità, è stato costruito 2000 anni fa, ma nonostante questo continua a sorreggere il peso dell’inarrestabile flusso di macchine che ogni giorno lo attraversa). Di là dal ponte troverete Borgo San Giuliano e ora sta a voi aggirarvi tra le stradine e perdervi tra le varie case alla ricerca dei disegni più belli.

Borgo San Giuliano oggi 2Un murales con Marcello Mastroianni e Anita Ekberg nella famosa scena della Fontana di Trevi, ne “La Dolce Vita”
Borgo San Giuliano, Rimini

Oltre a questi luoghi che ho visitato io, ce ne sono molti altri: la scuola materna frequentata da Federico; il liceo classico; il lungomare, dove ogni via è dedicata ad un suo film; il cimitero, dove il regista è sepolto insieme alla moglie Giulietta Masina e al figlio Pier Federico Fellini, morto dopo poche settimane dalla nascita; la casa di Via Clementini, dove la famiglia Fellini andò a vivere quando Federico era già a Roma e ancora oggi, dopo anni, vive Giorgio Fabbri insieme alla figlia Francesca, rispettivamente marito e figlia di Maddalena Fellini, sorella di Federico.
Inoltre, essendo il 2013 chiamato il Fellinianno, su moltissime vetrine della città potrete leggere frasi pronunciate dal regista riminese. Quindi tenete gli occhi aperti, per non perdere nessun particolare!

Prima di salutarvi, vi lascio ad un sondaggio: quale, fra questi, è il film di Federico Fellini che preferite?

FONTI: Fondazione Federico Fellini – http://www.federicofellini.it
Francesca Fabbri Fellini – http://www.federicofellini.info

Selena

Barcellona, te quiero!

IMG_3645

Ciao a tutti! Un mesetto fa ho scritto un post (se volete darci un’occhiata, cliccate qui) in cui vi consigliavo qualche outfit carino, simili a quelli che avrei indossato io per trascorrere pochi giorni a Barcellona. Nel mese che è trascorso da quando l’ho scritto fino ad oggi, ho fatto in tempo ad andare a Barcellona, a tornare a casa, a studiare, a rompere il mio amato computer (che, per fortuna, ha ricominciato magicamente a funzionare!) e a pensare disperatamente: devo assolutamente finire il post sul mio viaggio!!! Siccome le prime emozioni provate dopo il rientro a casa, quando lo stress e il ritmo della quotidianità non hanno ancora ripreso piede nella tua vita, sono sempre le migliori, qui sotto potete leggere quello che ho scritto il giorno dopo il mio ritorno. Continua a leggere